Oggi Francesco Bonanno al conservatorio ci ha reso partecipe della visione ebraica dell’anima attraverso una puntuale e minuziosa esposizione, senza mai essere pedante, con sobrietà e schiettezza. Grazie di cuore e di testa!